Penso che un cono così...

Come può essere raccontato un cono da gelato? ...leggi gli elaborati »

Ultime Notizie

Ice Party

  • Crema di yogurt alla frutta
    Che la bella stagione abbia inizio!   ... continua »
 

Successo per la presentazione del volume “2016: un cono nello spazio. Dieci racconti dal gusto galattico”

pubblicata il 05 dicembre 2016

Sabato 3 dicembre 2016, in una gremita Sala New York dell’Hotel Sporting, si è la svolta la presentazione del libro-progetto ideato dall’azienda teramana Ali d’Oro, “2016: un cono nello spazio. Dieci racconti dal gusto galattico”, presentato brillantemente dal giornalista Rino Orsatti.

Il volume, edito dalla Duende Edizioni di Paolo Ruggieri e Paola Vagnozzi e curato dalla giornalista Antonella Gaita, racchiude dieci racconti firmati da giornalisti e scrittori: Giovanni Agnoloni, Valeria Bellagamba, Tiziana Bronzato, Alessandro Di Emidio, Luca Maggitti, Marino Magliani, lo stesso Rino Orsatti, Gabriella Santini, Michele Toniolo e Antonio Tricomi.

Dopo i saluti di rito e un breve video riassuntivo delle “precedenti edizioni”, realizzato da Claudio Di Giuliantonio della Prodeo, si è entrati nel vivo della serata.

Nella leggerezza dei racconti – ha dichiarato Vanni Di Giosia, titolare dell’Ali d’Oro - si nascondono quei principi e quali valori su cui si fonda la nostra cultura personale e familiare: l’etica, l’impegno professionale, quello sociale, l’amore verso Teramo. Il poter dare senza chiedere nulla in cambio è un privilegio e la forza ci viene dalla famiglia e da tutti coloro che con noi lavorano per la buona riuscita dell’iniziativa. L’esserne in parte protagonisti e la possibilità, poi, di condividerla, è un onore”.

Come ogni anno – ha spiegato Antonella Di Gioisa, titolare dell’Ali d’Oro - il ricavato dell’iniziativa sarà interamente devoluto alla Fondazione Anffas Onlus di Teramo (Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale nda) con il progetto ComunichiAmo che intende promuovere, all’interno dei servizi della Fondazione Anffas dedicati in maniera specifica ai bambini affetti da Sindrome dello Spettro Autistico, programmi di abilitazione all’uso di strumenti di apprendimento e comunicazioni individuabili in particolari tablet e relativi software”.

Il titolo dell’edizione di quest’anno – ha detto Antonella Gaita, addetto stampa  dell’Ali d’Oro - è un omaggio alla fantascienza e a uno dei più celebri capolavori cinematografici del genere, 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick. Ma non solo. Anzi, in realtà è un omaggio alla fantascienza che tanto piace ai bambini: dagli Avengers alla saga di Star Wars, fino a Blade Runner. Non a caso il volume, quest’anno, è dedicato “ai piccoli” nel senso più ampio del termine: a tutti i bambini, ma anche agli adulti che nel loro intimo viaggiano con la mente attraverso la fantasia. Perché tutti siamo stati piccoli e lo possiamo essere ancora recuperando la capacità di sognare”.

Sono susseguite, poi, le interviste agli autori, gli interventi degli editori, del grafico Piero Assenti e degli esponenti dell’Anffas nelle persone di Paolo D’Angelo e Idetta Galvani che hanno fortemente ringraziato tutti coloro che partecipano ogni anno alla realizzazione concreta progetto. 

Tanta emozione e commozione durante la visione del video realizzato dalla stessa Anffas sui progetti passati: una palestra per disabili in età preadolescenziale (2012); tre lavagne multimediali di supporto ai processi di apprendimento (2013); il progetto logopedico “EduchiAmo”, con l’acquisto di quattro Personal Computer dotati di ausili facilitatori e relativi programmi riabilitativi specifici (2014) e il progetto: “AFA - Attività Fisica Adattata” intesa come programmi di esercizio svolti in gruppi appositamente predisposti finalizzati alla modificazione dello stile di vita in ottica di prevenzione secondaria e terziaria delle disabilità (2015).

La serata si è conclusa con un dono realizzato a mano dai ragazzi dell’Anffas: una palla di Natale con all’interno la rappresentazione dell’universo e “un cono nello spazio”.

 

Ph. Dario Di Lorenzo, TeramColor

counter