Penso che un cono così...

Come può essere raccontato un cono da gelato? ...leggi gli elaborati »

Ultime Notizie

Ice Party

  • Crema di yogurt alla frutta
    Che la bella stagione abbia inizio!   ... continua »
 

La grande avventura di Palì

Autore: Sara Di Luciano - classe 5 B Scuola Primaria San Giuseppe Teramo

Polì era un piccolo cono gelato. Un giorno, non sapendo come, si ritrovò con una buffa comitiva formata da coni molto più grandi di lui. Non erano una minaccia per lui, erano suoi amici. Lui a differenza degli altri coni non ricordava quando era stato sfornato e ciò lo rendeva infelice. Allora la sua migliore amica Petì decise di aiutarlo e di ricostruire il suo passato. Una notte fuggirono via dal magazzino della fabbrica in cui vivevano ed esplorarono altre stanze. Nella prima c’erano molte Cialde Millefoglie assortite e Sigarette Strip. Lì c’era un Biscono che annotava il nome di tutte le cialde che uscivano dalle macchine. Polì chiese se nella lista era stato annotato il suo nome, ma ebbe risposta negativa. La stessa cosa accadde accanto alla macchina che produceva Sigarette Strip. Il giorno successivo giunsero nel magazzino dove troneggiavano due silos colmi di farina, ma lì non c’era nessuno che poteva offrire loro delle informazioni. Avanzando ancora un po’, giunsero dove vengono sfornati centinaia di coni. Accanto alla macchina da dove essi uscivano, caldi e fragranti, c’era un Calice enorme, addetto al controllo di chi usciva. Polì gli chiese cortesemente se c’era il suo nome sulla lista e finalmente il suo nome era scritto proprio lì!Il signor Calice portò il conetto da suo padre: Conobrio. Egli gli raccontò la sua storia: il suo impasto venne versato nella macchina, posto nello stampo e cotto nel forno. I coni poi venivano fatti scivolare sul nastro trasportatore che li imbustava. In quel mentre Polì cadde e il trauma gli provocò un’amnesia. Che gioia per Polì scoprire il proprio passato! Polì e Petì diventarono adulti, si sposarono e diedero vita a un Petì colorato. L’allegra famigliola visse sempre con felicità avendo premura di non far cadere dal nastro trasportatore altri cornetti!

counter