Penso che un cono così...

Come può essere raccontato un cono da gelato? ...leggi gli elaborati »

Ultime Notizie

Ice Party

  • Crema di yogurt alla frutta
    Che la bella stagione abbia inizio!   ... continua »
 

Il volo di Victor

Autore: Giovanni Di Iacovo

“La sua memoria si placa. Fino al prossimo plenilunio, nessuno turberà il professore né il carnefice senza naso di Hestas”.

– Davvero un bel libro. Davvero. Meglio averlo letto tardi che mai.

Così Victor chiude con enfasi quasi marziale l’ultima pagina de “Il Maestro e Margherita” di Bulgakov.

Tutto il resto della stanza è solo fumo e dipinti di gatti.

Gatti spaventosi e terribili.

Gatti che sembrano conoscere verità che l’uomo ancora ignora.

Gatti, solo gatti.

Victor nel tempo libero amava dipingere.

Dipingeva sempre e solo gatti.

Gatti fiabeschi e inquietanti.

Gatti che conoscono verità che all’uomo sono precluse.

Gatti a volte troppo grandi per essere gatti, o con sguardi troppo maligni per essere creature di Dio [...].

  

Giovanni Di Iacovo(Pescara, 1978), definito dalla critica “figlio illegittimo di Palahniuk e Ballard”, è autore di racconti e romanzi tra cui Sognando una cicatrice (Castelvecchi, 2000), Sushi Bar Sarajevo (Palomar, 2007), Biancaneve e i sette operai Thyssenkrupp (Neo, 2008) e Tutti i poveri devono morire (Castelvecchi, 2010). Alcuni suoi testi sono stati messi in scena in Viaggio nelle Metropolis con Stefano Benni e David Riondino e tradotti in diverse lingue. Vincitore di numerosi premi tra cui la Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo (Sarajevo, 2001) e il Premio Teramo (2006), Di Iacovo dirige da undici anni il Festival Adriatico delle Letterature e svolge attività di ricerca in Letteratura Italiana Contemporanea presso l’Università di Pescara.

counter