Penso che un cono così...

Come può essere raccontato un cono da gelato? ...leggi gli elaborati »

Ultime Notizie

Ice Party

  • Crema di yogurt alla frutta
    Che la bella stagione abbia inizio!   ... continua »
 

Il prodigio

Autore: Sandra Renzi

[...]

La storia di Sara con il giovane Giulio si era consumata nel giro di dodici giorni, tra un prima di incontri costruiti da entrambi ad arte nella cornice di reciproche cortesie, e un dopo inatteso e improvviso, abitato da silenzi assordanti e da gesti duri e nervosi. L’intima solitudine di Sara, unita alla sua natura inquieta e tratteggiata da entusiasmi adolescenziali a dispetto dell’età matura, avevano fatto gioco sul cinico e disincantato Giulio, sempre a caccia di emozioni effimere in territori proibiti, dai quali gli era anche più facile allontanarsi, a motivo addotto della loro stessa pericolosità. In realtà il suo era sempre un gioco finito già dall’inizio, che conduceva prima con la sapienza seduttiva della parola e poi con la forza ostativa della parola stessa, con cui costruiva muri di inaccessibilità. Sara non aveva esperienza di simili uomini e se ne era innamorata. Un pomeriggio luminoso di verde e di azzurro, annullando ogni facoltà di pensiero cui si era aggrappata fino in fondo, aprì le stanze segrete della sua anima alle figure danzanti dell’amore, ignorando le differenze tra loro, trascendendo il senso di realtà e rimuovendo ogni possibile obiezione. Da lì erano cominciati dodici giorni di incanto, tessuti di baci senza età, di atmosfere sospese sulla quotidianità e di gesti audaci di un copione consunto di cui Sara ignorava l’esistenza. La sera del tredicesimo giorno lo sguardo di Giulio divenne duro. Finirono a fare l’amore, fino ad allora rimandato ad una circostanza favorevole, nel suo garage, con la frettolosità degli amanti abitudinari.

[...] 

Sandra Renzi è dirigente scolastico e dottore di ricerca. Dal 2006 collabora con l’Ateneo teramano presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione ed è delegata per la “Rete Universitaria per il Giorno della Memoria”.  Master di PNL svolge attività di formazione e di consulenza per i docenti, anche presso il Centro di Lingua e Cultura italiana di Toronto. Si occupa di scrittura sotto varie forme. E’ stata autrice presso la casa editrice Giunti & Lisciani dove ha curato rubriche e testi di didattica. Ha pubblicato: “Verso il portfolio. Problemi e ipotesi per un modello possibile” (Cannarsa, Vasto, 2004); “Progettazione. Immagini, prospettive e ipotesi di lavoro per sviluppare la competenza progettuale” (Cannarsa, Vasto, 2007); il racconto per ragazzi “Astolfo nello spazio” corredato di QRcode, (Ricerche&Redazioni, Teramo, 2009). Collabora attualmente con la rivista online Postinterface ed è Segretario del concorso “Racconto la Resistenza” della Fondazione Pasquale Celommi.

counter