Penso che un cono così...

Come può essere raccontato un cono da gelato? ...leggi gli elaborati »

Ultime Notizie

Ice Party

  • Crema di yogurt alla frutta
    Che la bella stagione abbia inizio!   ... continua »
 

Il tempo di un gelato

Autore: Manuela Costantini

Parcheggiai davanti alla pineta. Avevano ucciso una donna. Il medico legale era chino sul cadavere. Era arrivato prima di me. Tutti erano arrivati prima di me. L’ambulanza, l’ispettore Gianluca Ghelfi che parlava con il Pubblico Ministero e i tecnici della Scientifica che avevano iniziato la loro “caccia al tesoro”.

– Non è stata uccisa qui, ce l’hanno portata dopo – mi disse il medico, alzandosi.

La donna morta era magra, piccolina e dimostrava una cinquantina d’anni. Aveva una lesione all’altezza del cuore, e sembrava stesse dormendo.

– Come è morta? – chiesi.

– Schiacciamento della cassa toracica, ma le saprò dire di più dopo l’autopsia.

Ghelfi si avvicinò. – Ispettore capo Carolina Sempre, buongiorno – mi salutò.

Sapeva che mi dava molto fastidio quando mi chiamava così e lo faceva apposta. Feci finta di niente. – Ciao Gianluca, conosciamo l’identità della donna?

– Sì – disse e tirò fuori un foglietto dalla tasca. – Si chiamava Marilena Rinaldi, aveva cinquantasei anni, niente marito, niente figli. Abitava da sola in quella bella villa coloniale, al centro della città.

– Aveva parenti?

– Un fratello. Vive a un centinaio di chilometri da qui. Lo abbiamo avvisato, credo stia arrivando.

– Amici? Un fidanzato?

– Stiamo verificando.

– Bravo Gianluca, verifica. E fammi sapere. Chiama il commissario, digli che abbiamo bisogno di un mandato per andare alla villa – e feci per andarmene. Notai una sedia impagliata, sul lato opposto della pineta. – Cos’è quella? – chiesi, voltandomi e indicandola.

– È di Lucio il matto.

– Chi?

[...] 

Manuela Costantini è nata a Giulianova, sul mare d’Abruzzo, dove vive con la figlia Rebecca. Lavora come impiegata in una società di servizi. Ha da sempre la passione per la lettura e la scrittura. Ha pubblicato racconti su antologie, quotidiani e siti letterari. Ha partecipato a numerose antologie edite da Delos Books. Nel febbraio 2012 il racconto “Le brave persone”, è stato pubblicato in appendice ai Classici del Giallo Mondadori. Nel 2013 il racconto “Le domande sbagliate” è stato pubblicato nell’antologia Mondadori “Giallo 24” e nello stesso anno il racconto “Fine dei giochi” è stato selezionato per l’antologia “Carabinieri in giallo 6”, sempre per il Giallo Mondadori. Ad aprile 2014, ha pubblicato per Delos Digital, il romanzo breve “Quasi sempre a ottobre”, biografia romanzata della serial killer Milena Quaglini e il racconto storico “Il ritorno del francese” che sarà pubblicato a giugno 2015 nell’antologia “History Crime – Crimini senza tempo”, con Edizioni Cento Autori. A settembre 2015, con il Giallo Mondadori, sarà pubblicato il racconto “Le inutili attese”, nell’antologia “Delitti in Giallo”. Nel 2014, ha vinto il Premio Tedeschi con il romanzo “Le immagini rubate”.

 

 

counter